Tag

, ,

Viste le vacanze e l’atmosfera natalizia mi permetto un post disimpegnato.
L’ispirazione mi è venuta Sabato notte nel finale della Messa di Natale …

Il fatto è questo: per la prima volta, dopo anni di Messe di Natale e Pasqua, nessuno ha dimenticato la suoneria del cellulare attiva. Non ho sentito nemmeno mezzo trillo di qualche sms di auguri.
Ho pensato a qualche spiegazione per questo “incredibile” episodio, scherzando con un amico ho individuato i cambiamenti in  corso che possono in qualche modo contribuire ad abbassare le probabilità di sentir squillare un cellulare in chiesa:

1- Stiamo entrando in una fase di “maturità tecnologica” della popolazione. Anche la signora di 50 anni ha imparato come si può passare velocemente da modalità suoneria a modalità silenziosa.

2- Usiamo i social network (uno su tutti Facebook) per fare gli auguri di Natale. C’è la tendenza a sostituire l’ormai classico sms con un messaggio in bacheca.

3- Fare gli auguri di Natale via sms è diventato démodé. Sempre più gente si stufa di fare e ricevere messaggi di auguri freddi e standardizzati.

4- Stiamo diventando più educati e accorti (mah… ).