Tag

, , ,

Riporto in questo articolo una riflessione personale di qualche anno fa.

Ci sono le isole e ci sono le barche.

Le barche seguono le correnti, si fanno trasportare dal vento e approdano nelle isole. Poi, appena cambia il vento, ripartono verso nuove terre.

Le isole sono stabili, possono comunque comunicare tra loro tramite ponti, più o meno solidi. L’isola si sviluppa, la si coltiva, ci si costruisce sopra. Ce ne sono di più grandi e di più piccole.

Al differenza delle isole, le barche non hanno possibilità di sviluppo.

Un’uragano può affondare una barca e può radere al suolo un’isola.
La barca scompare, di lei non si avrà più traccia.
L’isola invece rimane, e ci si può sempre ricostruire sopra qualcosa da zero (o dai resti).