Tag

, ,

Nel mondo del lavoro conta il sapersi ben relazionare con i colleghi, prima ancora delle competenze specifiche legate alla propria mansione.

Questa predisposizione, che chiamerei pregio, rappresenta le fondamenta per un percorso lavorativo sereno, proficuo e di successo.

Sono cose che ho sempre sentito dire e che ho sempre condiviso. Ora, entrato nel mondo del lavoro, mi accorgo che sono estremamente vere. A volte certi talenti si perdono a causa della loro mancanza di capacità relazionali e di convivenza.

Bene, qui mi voglio collegare al famoso tema della leadership, una dote tanto ricercata e osannata. Le librerie sono colme di libri scritti da presunti esperti in materia, i corsi di formazione spennano improbabili manager offrendo loro corsi per apprenderla, nelle job description ormai la si ritrova sempre nella lista delle skill; io vorrei aggiungere che un’altra dote che bisognerebbe richiedere, e insegnare, è il saper accettare la leadership altrui, in tranquillità e senza tanti complessi. Ci vuole una mentalità aperta e flessibile, con l’aggiunta di una sana dose di empatia. Per certi lavori, che magari altri colleghi, anche del nostro stesso grado o inferiore, conoscono meglio o hanno preso a cuore, è importante sapersi allineare, seguendo eventuali direttive e accettando pacificamente il coordinamento altrui. A ognuno i propri spazi e i propri meriti, ne gioverà l’azienda e il morale di tutto il team.